venerdì, febbraio 23, 2007

I 12 punti per ripartire

Non si sa ancora quello che succederà, comunque questi sono i punti fermi intorno a cui Prodi sarebbe disposto ad assumere un nuovo incarico e che tutti gli alleati ieri seri hanno sottoscritto.

1. «Rispetto degli impegni internazionali e di pace. Sostegno costante alle iniziative di politica estera e di difesa stabilite in ambito Onu ed ai nostri impegni internazionali, derivanti dall'appartenenza all'Unione Europea e all'Alleanza Atlantica, con riferimento anche al nostro attuale impegno nella missione in Afghanistan. Una incisiva azione per il sostegno e la valorizzazione del patrimonio rappresentato dalle comunità italiane all'estero».
2. «Impegno forte per la cultura, scuola, università, ricerca e innovazione».
3. «Rapida attuazione del piano infrastrutturale e in particolare ai corridoi europei (compresa la Torino-Lione). Impegno sulla mobilità sostenibile».
4. «Programma per l'efficienza e la diversificazione delle fonti energetiche: fonti rinnovabili e localizzazione e realizzazione rigassificatori».
5. «Prosecuzione dell'azione di liberalizzazioni e di tutela del cittadino consumatore nell'ambito dei servizi e delle professioni».
6. «Attenzione permanente e impegno concreto a favore del Mezzogiorno, a partire dalla sicurezza».
7. «Azione concreta e immediata di riduzione significativa della spesa pubblica e della spesa legata alle attività politiche e istituzionali (costi della politica)».
8. «Riordino del sistema previdenziale con grande attenzione alle compatibilità finanziarie e privilegiando le pensioni basse e i giovani. Con l'impegno a reperire una quota delle risorse necessarie attraverso una razionalizzazione della spesa che passa attraverso anche l'unificazione degli enti previdenziali».
9. «Rilancio delle politiche a sostegno della famiglia attraverso l'estensione universale di assegni familiari più corposi e un piano concreto di aumento significativo degli asili nido».
10. «Rapida soluzione della incompatibilità tra incarichi, di governo e parlamentari, secondo le modalità già concordate».
11. «Il portavoce del presidente, al fine di dare maggiore coerenza alla comunicazione, assume il ruolo di portavoce dell'esecutivo».
12. «In coerenza con tale principio, per assicurare piena efficacia all'azione di governo, al presidente del Consiglio è riconosciuta l'autorità di esprimere in maniera unitaria la posizione del governo stesso in caso di contrasto»

1 commento:

pablo ha detto...

Il porcellum ha certamente contribuito al determinarsi della crisi, io voglio evidenziare altri due motivi.
1)c'è un sentimento presente in diversi politici, intellettuali, artisti che giudica immorale dialogare, arrivare a compromessi con l'Altro. Per fare un esempio, forse banale, la Dandini e il suo club, che pensano di incarnare la-sinistra-come-si-deve, non hanno mai perdonato a D'Alema la bicamerale, iniziativa che personalmente ho visto con favore perchè avrebbe rafforzato il bipolarismo e svelenito il clima tra i 2 fronti attraverso la condivisione di una piattaforma comune.
2)se una persona vuole imparare a pattinare deve mettere in conto che qualche ruzzolone prima di imparare dovrà prenderlo! Se vuoi governare devi mettere in conto che questo comporterà una (probabile) perdita di consenso del tuo partito. Anche Forza Italia, che dispone di una potenza mediatica ed economica scandalosa (e questo conta tanto, hanno fatto anche degli studi) ha perso consensi rispetto alle politiche 2001. A me sembra che i partiti a sinistra dei Ds vogliano la botte piena e la moglie ubriaca! Non possono stare con un piede a Montecitorio a contagiarsi con gli altri e con l'altro piede in piazza (anche quella mediatica) a rifarsi la verginità ed evitare l'allontanemento di qualche elettore. Alla lunga la coalizione si logora! Chi vuole governare deve accettare l'onore e l'onere che questa esperienza comporta. Vuoi contare di più? Presentati davanti agli elettori e chiedi più voti per avere maggior peso nelle decisioni. Per seguire questo metodo non bastano le buone-intenzioni-del-giorno-dopo, ci vuole un congresso con le rotture e lacerazioni che ne conseguono. I DS ne sanno qualcosa...