lunedì, marzo 19, 2007

Quiz - Le nostre radici (di Luigi Verducci)

Chi vuole confrontarsi con un bel Quiz?
Questi primi mesi di governo del centrosinistra e il dibattito sul Partito Democratico, mi hanno acceso una grande voglia di conoscere i "classici" della cultura politica "di sinistra". Perchè quello che a me sembra mancare è un pensiero guida, grazie a cui valutare, da un lato, l'azione di governo, dall'altro le grandi scelte che dobbiamo affrontare, come la creazione di un nuovo partito. Quello che manca o di cui, comunque, io sento un gran bisogno, è ciò che in psicologia viene chiamato una "teoria della tecnica", cioè lo sfondo concettuale che orienta la pratica quotidiana. Perchè è innegabile che navighiamo a vista, tutti, dai più "moderati" ai più "radicali", facendo mille cose scollegate tra loro e oscillando tra le ragioni di chi, di volta in volta, urla più forte (non è un pò questa l'immagine che dà il nostro governo, che pure di cose buone ne ha fatte?).
Nel mio girovagare confuso tra i "classici", alla ricerca di una "teoria della pratica" mi sono imbattuto in queste frasi, che mi sembrano appropriate al nostro dibattito attuale.
Ve le propongo come gioco. Riconosciamo ancora le nostre radici?

"Un partito è necessario storicamente quando sono almeno in via di formazione e lasciano prevedere normalmente i loro ulteriori sviluppi le condizioni del suo "trionfo", del suo immancabile diventare Stato. (...) Un partito avrà avuto maggiore o minore significato e peso, nella misura in cui la sua particolare attività avrà pesato più o meno nella determinazione della storia del paese."

Vi dicono qualcosa queste frasi?
Provate, provate, provate!

4 commenti:

pablo ha detto...

a me mancano le basi, navigherò a vista ancora per molto :) posso rispondere bene solo giocando sporco, ovvero affidandomi a google! Gianluca

luigi ha detto...

Per un'attimo mi sono spaventato...in senso buono. Cioè ho pensato, vuoi vedere che google è capace anche di questo...poi ho tirato un sospiro di sollievo!

Anonimo ha detto...

non ne ho la più pallida idea...comunque, o l'ha scritto paolo b., oppure....



scalfaro? o l'introvabile Scalfarotto?
Nadia

Paolo B ha detto...

Secondo me l'ha detto Gramsci. Ma non saprei come, quando, e perché. Paolo B. Di sicuro non l'ho scritto io, quindi Nadia non ha vinto.