martedì, ottobre 28, 2008

Pensiero positivo



Alunni, studenti, maestre, professori, genitori, padri, madri. Insieme per la scuola e il futuro di tutti noi.
L'Italia è ancora viva.

PD: 10 Proposte per l'Università

domenica, ottobre 19, 2008

Vecchi al governo


"La posizione del governo italiano rischia di trascinare l'Europa verso l'abisso. Berlusconi ha lo sguardo volto al passato, vede e pensa alla vecchia economia: ma su quella strada non c'è scampo perché la crisi ha una dimensione non affrontabile con i parametri tradizionali. Per salvarsi bisogna innovare, rilanciare, scommettere sul futuro... Ma le conoscono le proiezioni? In Europa le fonti rinnovabili creeranno un milione di nuovi posti di lavoro. Senza calcolare la crescita negli altri pilastri della terza rivoluzione industriale: l'edilizia avanzata, l'idrogeno, le reti intelligenti". (Jeremy Rifkin, economista)

venerdì, ottobre 17, 2008

E' nata YOUDEM.TV


YouDem è visibile con decoder ed abbonamento SKY e con ricevitore satellitare free.

Per sintonizzarsi su YouDem, il canale del decoder SKY: 813

Per sintonizzare il decoder non-SKY utilizzare le seguenti impostazioni:

Hotbird 7a - 13° est
Trapsonder: 18
Frequenza: 11.538 MHz
FEQ: 5/6
Polarizzazione: Verticale
Symbol rate: 22.000 Mbauds
Nome canale: YouDem

mercoledì, ottobre 08, 2008

Disgusto (di Luigi Verducci)


“Sensazione che offende il senso del gusto; nausea, ripugnanza” e ancora “Ripugnanza morale, senso di fastidio, di avversione, di intolleranza”. Fin qui la definizione di disgusto. Mi sembra proprio il sentimento più appropriato alla situazione che stiamo vivendo. La crisi economica è mondiale e non ho nessuna intenzione di ridurla a questione interna italiana o a lotta tra schieramenti politici. Eppure… provo disgusto per la sequela di dichiarazioni che ci stanno regalando gli esponenti del centrodestra in questi giorni. A cominciare da Tremonti che di colpo è diventato un “no global” e si è messo a fare i sermoni sull’etica.
Continua a ripetere che aveva previsto tutto nei suoi libri e ci delizia con giochi di parole tipo “è la fine del principio” per profetizzare che le cose peggioreranno. Ora io non ho letto i suoi libri illuminati, però 2 + 2 riesco ancora a farlo e allora vi propongo un quiz:

Chi ha introdotto in Italia termini come cartolarizzazione (*) e finanza creativa?

Ammetto l’ignoranza, ma io ho appreso dell’esistenza di queste parole tra il 2000 e il 2006, dalla boccuccia geniale del ministro Tremonti.
Proprio quello che ha cercato di cartolarizzare il colosseo (ve la ricordate Patrimonio s.p.a.?) adesso non perde occasione per dire che lui lo diceva che il mondo non poteva andare avanti impunemente affidandosi alla finanza “poco seria”. Lui? Proprio lui? Il nostro genietto tutto italiano?
DISGUSTO!


*Molti commentatori (vedi Alberto Ronchey sul corriere di oggi) fanno risalire la crisi attuale al sistema delle cartolarizzazioni.

sabato, ottobre 04, 2008

Vero, falso, Boh!

Marina Berlusconi sta per entrare nel consiglio di amministrazione di Mediobanca, che è la più importante banca d'affari italiana. In pratica in Italia non si muove niente senza il suo OK e i suoi soldi. D'altronde Fininvest e Mediolanum sono già azionisti di Mediobanca per circa il 6%. Durante l'ultima campagna elettorale, in una discussione politica da treno un mio amico conclude deciso che voterà centrodestra, perché il centrosinistra è il "partito" delle banche. L'affermazione mi stupisce e gli chiedo spiegazioni. Non ho avuto risposta, a meno da non considerare una risposta "Ma come, lo sanno tutti... l'ha detto anche Tremonti!"
Di Mediobanca fanno parte le più importanti banche del nostro paese (tipo Unicredit) e chi stà nel consiglio di amministrazione ha il compito di difenderne gli interessi. Ora io capisco che Berlusconi è noto per la sua capacità di separare interessi privati da quelli pubblici (e infatti proprio l'altro giorno ha detto che ci pensa lui a difendere le banche con i soldi pubblici), ma proprio non riesco a capire come B. e compagni riescano a stravolgere la realtà anche contro la più macroscopica delle evidenze.