martedì, febbraio 03, 2009

Cattivi


Mettiamo in fila gli eventi:

Aprile 2008: il centrodestra vince le elezioni cavalcando il senso di insicurezza dei cittadini.
Giugno 2008: il centrodestra inizia a mostrare i muscoli, fa nuove regole per rendere clandestini gli immigrati; la clandestinità diventa reato; i militari iniziano a pattugliare le città.
Gennaio 2009: non si attenuano anzi, si moltiplicano gli episodi di violenza soprattutto contro le donne. I reati sono commessi da immigrati, ma anche da italiani. Aumentano anche le aggressioni contro gli stranieri.
Febbraio 2009: Il ministro Maroni dichiara che bisogna essere cattivi con i clandestini.

Insomma, il centrodestra non ce la fa e ha dichiarato la sua impotenza/incapacità a far fronte agli episodi continui di violenza. E decide che lo stato deve buttarsi nella mischia ed essere "cattivo". Non più garante della convivenza, ma parte in gioco nella baruffa. Volano pugni? Lo stato non divide i litiganti, ma comincia a dare pugni. Il problema è, chi fermerà la mischia?

Nessun commento: