domenica, agosto 09, 2009

L'ITALIA IN UN GRAFICO


Clicca sull'immagine per ingrandirla

ATTENZIONE! Questa immagine descrive l'Italia di oggi molto meglio di tanti discorsi.
E' tratta dal Rapporto dell'Osservatorio di Pavia sulla presenza del problema "criminalità" sulle televisioni italiane.
Il rapporto ci dice che i reati (tutti i tipi di reati) in Italia sono in diminuzione dal primo semestre 2007 (Governo Prodi), ma l'allarme criminalità in televisione dipende da chi è al governo. Secondo i nostri telegiornali, quelli di Mediaset ma anche quelli della Rai, il problema criminalità in Italia era allarmante (nonostante i reati fossero in calo) durante l'ultima campagna elettorale (chissà perché!?), mentre ora è tutto passato.
I telegiornali di prima serata delle 6 reti maggiori (Rai e Mediaset) hanno dedicato agli episodi criminali ben 3500 servizi nel secondo semestre del 2007 (ripeto, nonostante i reati fossero in calo), poco più di 2500 nel secondo semestre del 2008 e meno di 2000 nel primo semestre di quest'anno.

Questi dati mostrano in maniera evidente la subordinazione della Rai (anche quando a governare era il centrosinistra) alle decisioni di Mediaset; non stupisce, quindi, che abbia deciso di combattere, anche contro i propri interessi economici, una dura lotta contro Sky. Come se i nemici di Mediaset fossero automaticamente anche nemici della televisione pubblica e dell'Italia tutta.
Siamo proprio al capolinea... come nazione!

sabato, agosto 08, 2009

Ci conviene privatizzare l'acqua dei Sibillini?


Secondo me dobbiamo seguire attentamente questa vicenda!

Ascoli Piceno, 21 luglio 2009

Presto in bottiglia l’acqua minerale dei Monti Sibillini, presente nella zona ascolana. Lo annuncia il nuove assessore provinciale Aleandro Petrucci, che è anche l’attuale sindaco di Arquata del Tronto, un paesino sulla statale Salaria e nel centro del Parco Nazionale degli stessi Sibillini.
Secondo Petrucci, entro l’anno in corso dovrebbe esserci la pubblicazione del bando per la relativa concessione di sfruttamento ai privati. Per il momento lo stabilimento dell’acqua interessato al progetto di privatizzazione è quello esistente nell’area industriale di Pescara del Tronto, ampio circa 8 mila metri quadri.
L’assessore provinciale Petrucci afferma di aver avuto già incontri per discutere della questione con il presidente del Ciip (Consorzio idrico del Piceno) Paolo Migrotti. Da ricordare che il sindaco di Arquata del Tronto, nella passata legislatura provinciale a guida del centrosinistra, per protesta contro la
negazione dell’autorizzazione per la privatizzazione di una parte dell’acqua dei Sibillini, da parte dell’ex presidente Massimo Rossi, arrivò ad incatenarsi nella sala del Consiglio provinciale di Ascoli, a Palazzo San Filippo.
Ora, con la nuova giunta di centrodestra, guidata da Piero Celani, sembra proprio che l’orientamento sulla questione dell’imbottigliamento dell’acqua dei Sibillini sia completamente cambiato. È facile prevedere che l’annuncio del neo assessore Petrucci provocherà non poche polemiche nel territorio piceno.
Fonte Agi

domenica, agosto 02, 2009

SegreDARIO FRANCESCHINI


Poche righe per iniziare il ragionamento sulle mozioni congressuali e relative candidature alla segreteria nazionale (e non viceversa);
due anni fa abbiamo scelto di intraprendere questa "avventura politico-social-riformista" sposando il progetto del Partito Democratico.


Alcuni convintamente, altri meno, altri ancora convinti sul progetto ma scettici sul metterlo in campo in una nazione fortemente conservatrice; alla fine abbiamo fatto questa scelta.
Credevamo nel progetto. le elezioni politiche ci hanno costretto ad una brusca accelerazioni del processo radicativo (certamente non ben riuscita) e da quel momento in poi la nostra strada è stata tortuosa e sempre in salita; ma noi non abbiamo mai messo in dubbio il progetto; abbiamo forse avuto remore sul pilota, su alcuni suoi assistenti, il progetto continua ad affascinare le nostre menti, conserva intatto quel nuovo stimolo politica capace di dare al centro sinistra italiano quell'identità nuova che tutti cerchiamo dai primi anni novanta.
Quel progetto, con alcuni correttivi è quello che vuol portare avanti Dario Franceschini.

Io sono persona che approda al PD da sinistra ma ciò non conta. i candidati sono sostenuti da "schieramenti" trasversali. ci sono ex Ds ed ex DL dietro ogni candidatura. lo stesso Franceschini ha tra i suoi principali sostenitori Piero Fassino (ultimo segretario dei Democratici di Sinistra), Sassoli, la dirigenza CGIL, Debora Serracchiani, ecc.
Non occorre che stia a sintetizzare gli aspetti peculiari della mozione depositata a sotegno della sua candidatura (che comunque vi invito a leggere così da chiarire una volta per tutte che punti essenziali come la laicità e la strutturazione forte del partito sono contemplati eccome!) perchè la questione è altra. portare avanti il progetto PD vuol dire sostenere Franceschini; sostenerne una versione edulcolorata vuol dire sostenere la mozione a sostegno della candidatura di Bersani. non contempla egli la laicità in modo particolare avendo necessità di corteggiare i cattolico - popolari. soprattutto preclude alla sinistra la possibilità di coalizioni più spostate al centro.

Ignazio Marino (di cui rispetto l'integrità delle idee) è portatore di un progetto in cui rivedo molto i progessisti di Achille Occhetto del 1994, fortemente appiattimento verso posizioni di sinistra che purtroppo ci vedrebbe condannati all'opposizione per le prossime generazioni.
Pierluigi Bersani tenta una apertura verso il centro a differenza di Marino, ma non sufficiente (ne gradita a mio avviso) per costruirvi una coalizione di governo (forse in qualche regione al massimo, ma non a livello nazionale) mettendo il partito in una posizione di stallo.

Dario Franceschini è l'unico ad avere le carte in regola per completare il progetto democratico, della grande forza laica r riformista dove centro e sinistra non siano più acque ed olio ma fuse.
Dobbiamo crederci, altrimenti saremmo tutti andati all'assemblea fondativa di sinistra e libertà, se siamo qui invece è perchè abbiamo responsabilità ed ambizione di governo ed allora non possiamo tentennare ancora lungo la strada già di irta.
Vi aspetto e vi voglio al mio fianco affinchè la nostra piccola realtà, il nostro circolo cittadino confermi il sostegno al progetto democratico.

IL COORDINATORE
Stefano Pompozzi


La foto risale all'ultima visita di Piero Fassino nel fermano svoltasi pochi mesi fa; egli è un grande amante di queste zone ed in genere del contatto con tutti gli iscritti e simpatizzanti del PD.
Fassino sarà nuovamente a Fermo per presentare la mozione a sostegno di Dario Franceschini il prossimo 27 agosto.
Pubblicheremo su questo blog orario e luogo dell'incontro non appena verranno ufficializzati.